Ultimo aggiornamento: settembre 2019

Bugiardino Aciclovir (hikma) 250 mg polvere per soluzione per infusione 10 flaconcini in vetro

prezzo indicativo: €67,03

Foglietto illustrativo ricevuto da fonti ufficiali

Indice


Consultando il foglietto illustrativo di Aciclovir (hikma) 250 mg polvere per soluzione per infusione 10 flaconcini in vetro si accettano le condizioni del sito


Indicazioni terapeutiche

Aciclovir Hikma è indicato per: – il trattamento di infezioni da Herpes simplex in pazienti immunocompromessi e grave herpes genitale allo stadio iniziale nei pazienti non immunocompromessi. – la profilassi delle infezioni da Herpes simplex in pazienti immunocompromessi. – il trattamento del fuoco di Sant’Antonio(virus Varicella zoster) in pazienti immunocompetenti nei quali può essere previsto un grave decorso della malattia. – il trattamento delle infezioni iniziali e ricorrenti di Varicella zoster in pazienti immunocompromessi. – il trattamento delle encefaliti erpetiche. – il trattamento delle infezioni da Herpes simplex nel neonato e nell’infante fino ai 3 mesi di età.

torna all'indice

Posologia

Posologia Adulti: Pazienti con Herpes simplex (tranne encefaliti erpetiche) o infezioni da Varicella zoster devono essere trattati con Aciclovir Hikma in dosi di 5 mg/kg peso corporeo ogni 8 ore, una volta accertato che la funzione renale non è danneggiata (vedi Dosaggio in caso di danno renale). Pazienti immunocompromessi con infezioni da Varicella zoster o pazienti con encefalite erpetica devono assumere Aciclovir Hikma in dose di 10 mg/kg di peso corporeo ogni 8 ore, una volta accertato che la funzione renale non è danneggiata (vedi Dosaggio in caso di danno renale). In pazienti obesi trattati con aciclovir endovenoso in base al loro peso corporeo attuale, si possono ottenere concentrazioni plasmatiche maggiori (vedi paragrafo 5.2). Una riduzione del dosaggio va quindi presa in considerazione nei pazienti obesi ed in particolare in quelli con insufficienza renale o anziani. Popolazione pediatrica: La dose di Aciclovir Hikma per bambini tra 3 mesi e 12 anni è calcolata in base all’area della superficie corporea.Bambini di 3 mesi di età o più con infezioni da Herpes simplex (eccetto encefaliti erpetiche) o Varicella zoster devono essere trattati con Aciclovir Hikma in dosi di 250 mg per metro quadrato di superficie corporea ogni 8 ore se la funzione renale non è compromessa. In bambini immunocompromessi con infezioni da Varicella zoster o bambini con encefalite erpetica, Aciclovir Hikma deve essere somministrato in dosi di 500 mg per metro quadro di superficie corporea ogni 8 ore se la funzione renale non è compromessa. Il dosaggio di Aciclovir Hikma nei neonati e negli infanti fino a 3 mesi di età è calcolato in base al peso corporeo. Il regime raccomandato per bambini trattati per un noto o sospetto herpes neonatale è aciclovir 20 mg/kg di peso corporeo endovena ogni 8 ore per 21 giorni per la malattia disseminata e nel SNC, o per 14 giorni per patologia limitata alla pelle ed alle membrane mucose. Infanti e bambini con funzionalità renale ridotta richiedono una adeguata modifica della dose, in base al grado di compromissione (vedi Insufficienza renale). Anziani: Per i pazienti anziani deve essere presa in considerazione la possibilità di insufficienza renale ed il dosaggio deve essere adeguato di conseguenza (vedi Insufficienza renale sotto). Deve essere mantenuta una adeguata idratazione. Danno renale: Va posta attenzione quando si somministra Aciclovir Hikma ai pazienti con funzionalità renale ridotta. Deve essere mantenuta una adeguata idratazione. L’aggiustamento del dosaggio per i pazienti con danno renale è basato sulla clearance della creatinina, in unità di ml/min per gli adulti e per gli adolescenti e in unità di ml/min/1,73 m² per gli infanti ed i bambini con meno di 13 anni di età. Sono consigliati i seguenti aggiustamenti dei dosaggi: Aggiustamenti del dosaggio negli adulti e negli adolescenti::

Clearance della Creatinina Dosaggio
Da 25 a 50 ml/min La dose raccomandata (5 o 10 mg/kg di peso corporeo) deve essere somministrata ogni 12 ore.
Da 10 a 25 ml/min La dose raccomandata (5 o 10 mg/kg di peso corporeo) deve essere somministrata ogni 24 ore.
Da 0 (anurico) a 10 ml/min In pazienti che ricevono dialisi peritoneale ambulatoriale continua (CAPD) la dose raccomandata (5 o 10 mg/kg di peso corporeo) deve essere dimezzata e somministrata ogni 24 ore. In pazienti che ricevono emodialisi la dose raccomandata (5 o 10 mg/kg di peso corporeo) deve essere dimezzata e somministrata ogni 24 ore e dopo dialisi.
Aggiustamento del dosaggio negli infanti e nei bambini:
Clearance della Creatinina Dosaggio .
Da 25 a 50 ml/min/1,73m² La dose raccomandata (250 o 500 mg/ m² per area di superficie corporea o 20 mg/kg di peso corporeo) deve essere somministrata ogni 12 ore.
Da 10 a 25 ml/min/1,73m² La dose raccomandata (250 o 500 mg/ m² per area di superficie corporea o 20 mg/kg di peso corporeo) deve essere somministrata ogni 24 ore.
Da 0 (anurico) a 10 ml/min/1,73m² In pazienti che ricevono dialisi peritoneale continua ambulatoriale (CAPD) la dose raccomandata (250 o 500 mg/ m² per area di superficie corporea o 20 mg/kg di peso corporeo) deve essere dimezzata e somministrata ogni 24 ore. In pazienti che ricevono emodialisi la dose raccomandata (250 o 500 mg/m² per area di superficie corporea o 20 mg/kg di peso corporeo) deve essere dimezzata e somministrata ogni 24 ore e dopo la dialisi.
Modo di somministrazione: Uso endovenoso Infusione endovenosa lenta nell’arco di 1 ora. Un ciclo di trattamento con Aciclovir Hikma generalmente dura 5 giorni, ma può essere adeguato in base alle condizioni del paziente ed alla risposta alla terapia. Il trattamento per l’encefalite erpetica generalmente dura 10 giorni. Il trattamento per le infezioni da herpes neonatale generalmente dura 14 giorni per le infezioni mucocutanee (pelle–occhi–bocca) e 21 giorni per patologie disseminate o del sistema nervoso centrale. La durata della somministrazione profilattica di Aciclovir Hikma è determinata dalla durata del periodo a rischio. Per istruzioni sulla ricostituzione del medicinale prima della somministrazione, vedi paragrafo 6.6.

torna all'indice

Controindicazioni

Ipersensibilità al principio attivo – aciclovir, o valaciclovir, o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencato al paragrafo 6.1.

torna all'indice

Avvertenze e precauzioni

In pazienti a cui viene somministrato aciclovir per via endovenosa o alte dosi per via orale va assicurata una adeguata idratazione. Dosi endovenose devono essere somministrate per infusione nell’arco di 1 ora per evitare la precipitazione di aciclovir nei reni, iniezioni rapide o in bolo devono essere evitate. Il rischio di danno renale è aumentato dall’uso di altri farmaci nefrotossici. E’ richiesta attenzione nel somministrare aciclovir endovena con altri farmaci nefrotossici. Deve essere evitato il contatto con gli occhi e con la pelle non protetta. Uso nei pazienti con insufficienza renale e nei pazienti anziani: Aciclovir è eliminato attraverso clearance renale, quindi la dose deve essere ridotta nei pazienti con danno renale (vedi paragrafo 4.2). Dosaggio nei pazienti anziani: negli anziani la clearance totale di aciclovir diminuisce in parallelo con la clearance della creatinina. Deve essere posta particolare attenzione alla riduzione del dosaggio nei pazienti anziani con ridotta clearance della creatinina. Si raccomanda di valutare lo stato di idratazione e la clearance della creatinina prima di somministrare alti dosaggi di aciclovir, in particolare in pazienti anziani che possono avere una funzionalità renale ridotta nonostante una concentrazione di creatinina nel siero normale. Sia i pazienti anziani che i pazienti con danno renale risentono di un aumentato rischio di sviluppare effetti indesiderati di tipo neurologico e devono essere attentamente monitorati per verificare l’evidenza di tali segnali. Nei casi segnalati, queste reazioni sono risultate generalmente reversibili interrompendo il trattamento (vedi paragrafo 4.8). In pazienti che ricevono Aciclovir Hikma alle dosi più alte (es: per l’encefalite erpetica) va posta particolare attenzione in relazione alla funzione renale, in particolare quando i pazienti sono disidratati o hanno un qualsiasi danno renale.Aciclovir Hikma ricostituito ha un pH approssimativamente di 11 e non deve essere somministrato per bocca. Cicli prolungati e ripetuti di aciclovir in individui gravemente immunocompromessi possono portare ad una selezione dei ceppi virali con ridotta sensibilità, che possono quindi non rispondere al trattamento continuato con aciclovir. (vedi paragrafo 5.1).

torna all'indice

Interazioni

Aciclovir è eliminato principalmente immodificato nelle urine attraverso la secrezione tubulare renale attiva. Ogni medicinale somministrato contemporaneamente che compete con questo meccanismo può aumentare le concentrazioni plasmatiche di aciclovir. Il probenecid e la cimetidina aumentano l’AUC dell’aciclovir con questo meccanismo e riducono la clearance renale dell’aciclovir. Comunque non è necessario alcun aggiustamento del dosaggio dato l’ampio indice terapeutico dell’aciclovir. In pazienti che ricevono Aciclovir Hikma per via endovenosa va posta attenzione nella somministrazione concomitante con farmaci che competono con l’aciclovir per l’eliminazione, dato il potenziale aumento dei livelli plasmatici di uno o di entrambi i farmaci o i loro metaboliti. Sono stati segnalati aumenti nelle AUC plasmatiche di aciclovir e del metabolita inattivo di micofenolato mofetile, un agente immunosoppressore usato nei pazienti trapiantati, quando i farmaci vengono somministrati contemporaneamente. Se il litio è somministrato contemporaneamente ad alte dosi di aciclovir endovenoso, la concentrazione serica di litio deve essere attentamente monitorata dato il rischio di tossicità da litio. Si richiede anche di porre attenzione (controllando i cambiamenti della funzionalità renale) nel somministrare Aciclovir Hikma endovenoso con altri farmaci che alterano altri aspetti della fisiologia renale (es: ciclosporina, tacrolimus). Uno studio sperimentale su cinque soggetti maschi indica che la terapia concomitante con aciclovir aumenta l’AUC della teofillina somministrata in totale di circa il 50%. Si raccomanda di controllare le concentrazioni plasmatiche durante la terapia concomitante con aciclovir.

torna all'indice

Effetti indesiderati

Le categorie di frequenza associate con gli eventi avversi di seguito sono stimate. Per la maggior parte degli eventi, i dati idonei per la stima di incidenza non erano disponibili. Inoltre, gli eventi avversi possono variare nella loro incidenza a seconda dell’indicazione. La seguente convenzione è stata utilizzata per la classificazione degli effetti indesiderati in termini di frequenza: Molto comune ≥ 1/10 Comune ≥ 1/100, < 1/10 Non comune ≥ 1/1.000, < 1/100 Raro ≥ 1/10.000, < 1/1,000 Molto raro < 1/10.000. Patologie del sistema emolinfopoietico: Non comune: riduzione dell’indice ematologico (anemia, trombocitopenia, leucopenia). Disturbi del sistema immunitario: Molto raro: anafilassi Disturbi psichiatrici e patologie del sistema nervoso: Molto raro: mal di testa, vertigini, agitazione, confusione, tremori, atassia, disartria, allucinazioni, sintomi psicotici, convulsioni, sonnolenza, encefalopatia, coma. Gli effetti sopra riportati sono generalmente reversibili e solitamente segnalati in pazienti con danno renale o con altri fattori predisponenti (vedi paragrafo 4.4). Patologie vascolari: Comune: flebiti Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche : Molto raro: dispnea. Patologie gastrointestinali: Comune: nausea, vomito. Molto raro: diarrea, dolore addominale. Patologie epatobiliari: Comune: aumento reversibile degli enzimi epatici. Molto raro: aumento reversibile della bilirubina, itterizia, epatite. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo: Comune: prurito, orticaria, eruzioni (inclusa fotosensibilità). Molto raro: angioedema. Patologie renali ed urinarie: Comune: aumento dell’urea e della creatinina nel sangue. Il rapido aumento dei livelli di urea e creatinina nel sangue si ritiene sia relativo al picco dei livelli plasmatici ed allo stato di idratazione del paziente. Per evitare questo effetto il farmaco non deve essere somministrato come iniezione in bolo endovenoso ma come infusione lenta nell’arco di un ora. Molto raro: danno renale, insufficienza renale acuta e dolore renale. Deve essere mantenuta un’adeguata idratazione. Generalmente l’insufficienza renale rientra rapidamente a seguito di idratazione del paziente e/o riduzione del dosaggio o interruzione della terapia. In casi eccezionali comunque si può avere una progressione ad insufficienza renale acuta. Il dolore renale può essere associato all’insufficienza renale ed a cristalluria. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione: Molto raro: fatica, febbre, reazioni infiammatorie localiGravi reazioni infiammatorie locali che talvolta causano rottura della pelle si sono verificati quando aciclovir è stato inavvertitamente infuso nei tessuti extracellulari. Segnalazione delle reazioni avverse sospette La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l’autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione dell’Agenzia Italiana del Farmaco Sito web: www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili

torna all'indice

Gravidanza e allattamento

Fertilità: Non ci sono informazioni sull’effetto di aciclovir sulla fertilità femminile umana. In uno studio con 20 pazienti maschi con conta spermatica nella norma, aciclovir orale somministrato a dosi di fino a 1g al giorno per massimo 6 mesi ha dimostrato di non avere effetto clinico significativo sulla conta spermatica, la motilità o la morfologia. Gravidanza: L’uso di aciclovir deve essere considerato solo quando i potenziali benefici superano la possibilità di rischi non noti. Una registrazione post–marketing di aciclovir in gravidanza ha fornito dati sugli esiti della gravidanza nelle donne esposte alle varie formulazioni di aciclovir. I risultati non hanno mostrato un aumento nel numero di difetti alla nascita tra i soggetti esposti ad aciclovir rispetto alla popolazione generale, e gli eventuali difetti di nascita non mostravano alcuna particolarità o coerenza per suggerire una causa comune. Gli studi su animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti sulla tossicità riproduttiva. Allattamento: A seguito di somministrazione orale di 200mg cinque volte al giorno, l’aciclovir è stato rilevato nel latte mammario umano in concentrazioni che variano da 0,6 a 4,1 volte i corrispondenti livelli plasmatici. Questi livelli potenzialmente possono esporre gli infanti allattati a dosaggi di aciclovir fino a 0,3 mg/kg/die. Quindi si raccomanda di porre attenzione se Aciclovir Hikma viene somministrato a donne che stanno allattando.

torna all'indice

Conservazione

Conservare a temperatura inferiore a 25°C. Per le condizioni di stoccaggio dopo la ricostituzione e la diluizione del medicinale, vedere paragrafo 6.3.

torna all'indice

Principio attivo

Ogni flaconcino contiene 250mg di aciclovir come sale di sodio. Eccipiente con effetti noti: contiene sodio (37,8 mg, circa. 1,64 mmol). Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

torna all'indice

Eccipienti

Sodio idrossido (usato per aggiustare il pH).

torna all'indice

Pubblicità

Vedi anche