Bugiardino Famotidina (eg) 40 mg compresse film rivestite 10 compresse

prezzo indicativo: €7,45

Indice


Consultando il foglietto illustrativo di Famotidina (eg) 40 mg compresse film rivestite 10 compresse si accettano le condizioni del sito


Indicazioni terapeutiche

• Ulcera duodenale • Ulcera gastrica benigna • Sindrome di Zollinger-Ellison • Trattamento della esofagite da reflusso da lieve a moderata

torna all'indice

Posologia

Istruzioni per il dosaggio Ulcere duodenali e ulcere gastriche benigne: 40 mg di famotidina una volta al giorno, prima di coricarsi. Sindrome di Zollinger-Ellison: Si raccomanda, nei pazienti in cui la sindrome di Zollinger-Ellison non é stata ancora trattata con una terapia farmacologica antisecretoria, di iniziare il trattamento con l’assunzione di 20 mg di famotidina (per questo sono disponibili compresse rivestite con 20 mg di famotidina) ogni 6 ore. In funzione della secrezione acida e della risposta clinica del paziente, il dosaggio deve essere adattato come trattamento continuo finché non si raggiungono i livelli di acido desiderati (per es. < 10 mEq/h nell’ora precedente la dose successiva di famotidina). Se l’inibizione desiderata della secrezione acida non può essere raggiunta con un dosaggio di 800 mg/die, deve essere considerato un trattamento alternativo per regolare la secrezione acida, in quanto non è stata riportata esperienza di trattamenti a lungo termine con dosaggi giornalieri di famotidina superiori a 800 mg. Il trattamento deve essere continuato secondo la necessità clinica. I pazienti che sono già stati sottoposti a precedente trattamento con antagonisti dei recettori H2 possono passare direttamente ad un dosaggio di famotidina superiore al dosaggio raccomandato all’inizio del trattamento. Il dosaggio dipende dalla gravità della malattia e dalla posologia dei farmaci precedenti. Esofagite da reflusso da lieve a moderata: Nella esofagite da reflusso da lieve a moderata in trattamento, è raccomandato un dosaggio di 40 mg di famotidina due volte al giorno (corrispondenti a due compresse rivestite con film di Famotidina EG 40 mg). Famotidina è eliminata principalmente per via renale. Per i pazienti con compromissione della funzionalità renale nei quali la clearance della creatinina è inferiore a 30 ml/min, il dosaggio giornaliero di famotidina deve essere ridotto del 50%. Anche i pazienti in dialisi devono assumere dosaggi ridotti del 50%. Famotidina EG 40 mg deve essere somministrata alla fine o dopo la seduta di dialisi, poiché una parte del farmaco viene eliminata dalla dialisi. Modo di somministrazione e durata del trattamento Le compresse rivestite con film di Famotidina EG 40 mg devono essere deglutite intere con del liquido. Non necessitano di essere assunte con i pasti. Ulcere duodenali e ulcere gastriche benigne: Per le ulcere duodenali e le ulcere gastriche benigne in trattamento, la terapia deve essere continuata per 4-8 settimane. Questo periodo, comunque, può essere ridotto se l’endoscopia rivela che l’ulcera è guarita. Se l’esame endoscopico non rivela questa guarigione, il trattamento deve proseguire per un altro periodo di 4 settimane. Sindrome di Zollinger-Ellison: Il trattamento deve essere continuato fino a scomparsa della sintomatologia clinica. Esofagite da reflusso da lieve a moderata: Generalmente il trattamento deve essere continuato per 6 settimane, se 6 settimane di trattamento non portano alla guarigione, il trattamento deve essere continuato per altre 6 settimane.

torna all'indice

Controindicazioni

Ipersensibilità al principio attivo, o ad uno qualsiasi degli altri eccipienti. In caso di manifestazione dei sintomi di ipersensibilità, la somministrazione di Famotidina EG 40 mg deve essere sospesa.Non esistono informazioni sufficienti relative alla sicurezza ed efficacia della famotidina nei bambini. Per questo motivo, i bambini non devono essere trattati con Famotidina EG 40 mg.

torna all'indice

Avvertenze e precauzioni

Non può essere necessariamente esclusa una neoplasia quando il trattamento con Famotidina EG 40 mg è efficace sulla sintomatologia. Appropriate misure diagnostiche devono essere intraprese per escludere la non-malignità di un’ulcera prima di iniziare il trattamento con famotidina. Famotidina è escreta principalmente per via renale ed è parzialmente metabolizzata dal fegato. Conseguentemente si raccomanda prudenza nei pazienti affetti da compromissione della funzionalità renale. Il dosaggio giornaliero dei pazienti affetti da compromissione della funzionalità renale deve essere ridotto (vedi posologia). Non somministrare Famotidina EG 40 mg in caso di disturbi gastrointestinali minori. Nei pazienti affetti da ulcere duodenali e da ulcere gastriche benigne, si deve verificare la presenza di H. pylori. Se possibile, i pazienti positivi all’H. pylori, devono sottoporsi a terapia di eradicazione per eliminare i batteri. La co-somministrazione di antagonisti dei recettori H2, come famotidina con atazanavir/ritonavir in combinazione con tenofovir deve essere evitata (vedere paragrafo 4.5).

torna all'indice

Interazioni

Clinicamente non sono state registrate importanti interazioni metaboliche con altri farmaci o sostanze. Durante l’uso concomitante di sostanze il cui assorbimento è influenzato dal pH gastrico, si deve considerare un possibile cambiamento nell’assorbimento di tali sostanze. L’assorbimento di ketoconazolo o di itraconazolo può essere ridotto; il ketoconazolo deve essere somministrato 2 ore prima della somministrazione di famotidina. L’uso concomitante di famotidina e antiacidi può ridurre l’assorbimento di famotidina e portare a concentrazioni plasmatiche più basse della stessa. Per questo motivo, la famotidina deve essere somministrata 1-2 ore prima di prendere un antiacido. L’uso concomitante di sucralfato inibisce l’assorbimento di famotidina. Perciò, il sucralfato come regola, non deve essere somministrato entro le due ore dall’assunzione di famotidina. La somministrazione di probenecid può ritardare l’eliminazione di famotidina. Si deve evitare l’uso concomitante di probenecid e di Famotidina EG 40 mg. La famotidina ha dimostrato di ridurre la biodisponibilità di atazanavir in modo dose-dipendente. Questo può essere compensato da un aumento della dose di atazanavir. Tuttavia, quando atazanavir/ritonavir vengono assunti insieme a tenofovir, non è dimostrata alcuna dose-dipendenza di tale riduzione. Pertanto, ai pazienti che stanno assumendo tenofovir si raccomanda un trattamento con al massimo 20 mg di famotidina, oppure, se è necessaria una dose più elevata, si dovrebbe prendere in considerazione un aumento della dose di atazanavir. I pazienti che stanno assumendo atazanavir/ritonavir in combinazione con tenofovir non devono essere trattati con famotidina (vedere paragrafo 4.4).

torna all'indice

Effetti indesiderati

In questo paragrafo le frequenze degli effetti indesiderati sono definite come seguono: molto comune (≥1/10); comune (≥1/100, <1/10); non comune (≥1/1.000, <1/100); raro (≥1/10.000, <1/1.000); molto raro (<1/10.000), non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili). Esami diagnostici Raro: innalzamento dei valori di laboratorio (transaminasi, gamma-GT, fosfatasi alcaline, bilirubina). Patologie del sistema emolinfopoietico Molto raro: trombocitopenia, leucopenia, agranulocitosi e pancitopenia. Patologie del sistema nervoso Comune: emicrania, vertigini; Molto raro: parestesia, sonnolenza, insonnia, convulsioni epilettiche (grande male). Patologie gastrointestinali Comune: costipazione, diarrea; Non comune: secchezza delle fauci, nausea, vomito, disturbi gastro-intestinali, flatulenza, perdita dell’appetito. Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Non comune: rash, prurito; Raro: orticaria; Molto raro: alopecia, gravi reazioni cutanee (come epidermolisi tossica). Patologie del sistema muscolo scheletrico e del tessuto connettivo Raro: artralgia; Molto raro: crampi muscolari. Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Non comune: stanchezza; Molto raro: sensazione di tensione al petto. Disturbi del sistema immunitario Raro: reazioni di ipersensibilità (anafilassi, edema angioneurotico, broncospasmo). Patologie epatobiliari Raro: colestasi intraepatica (segno visibile: ittero). Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella Molto raro: impotenza, diminuzione della libido. Disturbi psichiatrici Molto raro: disturbi psichici reversibili (come allucinazioni, disorientamento, confusione, ansia, agitazione, depressione).

torna all'indice

Gravidanza e allattamento

I dati su un numero limitato di donne in gravidanza trattate con famotidina, non hanno indicato alcun effetto avverso di famotidina sulla gravidanza o sulla salute del feto o del neonato. A parte questi dati, non sono disponibili altri dati epidemiologici rilevanti. Studi sugli animali non indicano lo sviluppo di danni diretti o indiretti rispetto alla gravidanza, allo sviluppo embrionale/fetale, al parto o allo sviluppo postnatale (vedere paragrafo 5.3). Famotidina deve essere prescritta alle donne in gravidanza solo dopo una scrupolosa valutazione dei vantaggi attesi e dei rischi potenziali. Famotidina viene escreta nel latte materno. Poiché esiste una possibilità che famotidina influisca sulla secrezione acida gastrica dei bambini, le donne sottoposte a trattamento con famotidina, devono evitare l’allattamento al seno.

torna all'indice

Conservazione

Questo medicinale non richiede alcuna particolare condizione di conservazione.

torna all'indice

Principio attivo

Una compressa rivestita con film contiene 40 mg di famotidina Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1

torna all'indice

Eccipienti

Nucleo della compressa: cellulosa microcristallina; amido di mais; amido di mais pregelatinizzato; povidone; talco; magnesio stearato. Rivestimento della compressa: ipromellosa; talco; titanio diossido (E171); glicole propilenico.

torna all'indice

Ultimo aggiornamento: aprile 2018

Pubblicità

Vedi anche